Africa e terrorismo

Gabriella Carlon
12/10/2016
Non si diffondono molte notizie sul terrorismo in Africa, salvo l’eco di terribili eccidi che di tanto in tanto ci raggiunge.
Agiscono alcune organizzazioni terroristiche che procedono al controllo del territorio. Le principali sono:
Boko Haram (da 5 a 7mila militanti) – controlla il lago Ciad e avanza in Nigeria, Camerun e Mali;
Shabaab (da 3 a 5mila) – in Somalia;
Aqmi (un migliaio) nel Maghreb e in Mali;
Mourabitoun in Mali.
Di questi gruppi Boko Haram è legato all’ISIS, gli altri a Al Qaeda (1).
L’atteggiamento dei governi locali non sempre è lineare, comunque i Presidenti dei paesi del Sahel (Mauritania, Niger, Ciad, Mali e Burkina Faso) hanno costituito un organismo di cooperazione per la sicurezza.
L’Unione Africana ha creato una forza multinazionale di 10.000 uomini per contrastare Boko Haram sul lago Ciad; cerca inoltre, con AMISON, di fronteggiare Shabaab in Somalia.

Il problema non è però solo militare; auspichiamo che i governi, locali e non, si impegnino a combattere le origini del grave disagio che alimenta i movimenti terroristici.
________
1) Fonte: Confronti febbraio 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.