Due righe aperte al Presidente della Repubblica Italiana

Chiara Guanin
9 agosto 2016

Signor Presidente,
comprendo che Lei non possa, non debba, commentare tutte le stupidaggini che le arrivano alle orecchie, ma ora intervenga prontamente a fermare lo sciagurato discorso sulla poligamia. Non ho suggerimenti da darLe quanto al contenuto, mi fido completamente di Lei, ma la prego non usi espressioni come “ le nostre donne “ o affermazioni, sia pur nobili, come “ la civiltà di un Paese si misura da come tratta le sue donne “, non faccia precedere nessun aggettivo possessivo al sostantivo donne .Vorrei proprio che Lei parlasse puramente e chiaramente di cittadinanza, di cittadine e di cittadini.
La ringrazio e la saluto con rispettoso affetto

Un pensiero su “Due righe aperte al Presidente della Repubblica Italiana


  1. condivido questo consiglio non siamo “NOSTRE” NON SIAMO DI NESSUNO siamo persone e cittadine !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.