Perché No ai sovranisti

Gabriella Carlon
11-05-2019
Ma perché opporsi ai sovranisti che in fondo vogliono difendere la sicurezza e il benessere di noi nativi? Non ci conviene sostenerli?
Vale la pena di riflettere un po’.
Esaminiamo tre parole d’ordine dei sovranisti: nazione- popolo- sovranità.

La nazione di ottocentesca memoria è una costruzione ideologica atta a fondare, appunto, gli stati nazionali con effetti anche positivi, perché ha permesso la creazione di strutture statuali in territori frammentati e incapaci di reggere il confronto con le monarchie dell’età moderna. Ma il modo in cui viene concepito il termine dai sovranisti è non solo fortemente identitario ma escludente. Infatti porta ad erigere muri e fili spinati o alla chiusura dei porti per difendere i propri confini. Si associa alla nazione una marcata xenofobia con l’affermazione del primato della propria nazionalità e dunque la negazione dei diritti universali. L’approdo non può che essere la teoria del nemico, cioè l’identificazione di un ente esterno che causerebbe tutto il nostro malessere: gli immigrati, che minacciano la nostra sicurezza, il nostro welfare, la nostra salute, il nostro lavoro. Ma il nazionalismo e la teoria del nemico non hanno portato e non portano nulla di buono né all’Europa né al mondo, visto che in passato hanno sempre generato guerre, imperialismo, razzismo. Qualcuno (anche con incarichi istituzionali) vuol difendere la “razza” bianca e qualche voce, per fortuna isolata, propone il recupero della teoria del complotto del Protocollo dei Savi di Sion…….
Abbiamo perso la memoria per essere affascinati da simili pensieri?

Il popolo è l’altro punto fermo, legato alla nazione. Parlare di popolo come di un organismo unitario a fronte delle diseguaglianze sempre più vistose e delle complesse articolazioni della nostra società è un’altra mistificazione ideologica: come si può parlare di volontà del popolo senza tener conto delle differenze economiche, politiche, culturali? La teoria che sta a monte è l’identificazione del popolo con un capo, senza conflitti, senza confronti, senza mediazioni; con una investitura diretta che serve a confermare il monologo del capo che si affaccia a qualche balcone. Ma da questa concezione di popolo non sono mai nati regimi democratici, anzi ne sono derivati regimi quanto meno autoritari, se non apertamente dittatoriali.

La sovranità chiude il cerchio, diventando esercizio del potere con una investitura popolare diretta, senza regole e senza limiti perché il popolo è sempre onesto e buono, mentre le istituzioni e gli strumenti di Governo (la Casta) sono occupati da persone corrotte e degenerate che minano il benessere del popolo, tutte da rottamare. Ma con questo ragionamento si rottama la democrazia che, passo dopo passo, lentamente muore. Senza contare che la casta tanto incriminata è sempre stata votata dal popolo stesso, e che se è corrotta è perché qualcuno del “popolo” ha pensato utile allungare bustarelle sotto banco in cambio di privilegi e concessioni che hanno danneggiato il resto della popolazione. E non solo: se le libertà e i diritti umani non fossero riconosciuti allo stesso modo in tutti gli stati, non si potrebbe più parlare di una “comunità” europea. E, ancora, niente più libera circolazione delle persone alle frontiere? Solo scambi commerciali e di capitali?

Credo che nessuno voglia incamminarsi verso un’Europa fondata su questa trilogia. Anche perché sarebbe non la rifondazione dell’Europa ma la sua distruzione. Infatti i sovranisti dei vari paesi si oppongono a qualsiasi riforma dei Trattati europei. Anche se attualmente non predicano più, come qualche tempo fa, l’uscita dall’euro e dall’Unione, in realtà l’obiettivo è la disgregazione dell’Unione europea per l’affermazione della sovranità nazionale. Ma di fronte al potere delle multinazionali o di complessi statali del peso di USA, Cina o Russia, quale sovranità potranno affermare gli “staterelli” europei, per giunta in competizione tra loro?
Riflettiamo seriamente: l’Unione europea è da rifondare, ma le strade da percorrere sono davvero altre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.