Abu Dhabi – 4 febbraio 2019

Gabriella Carlon
27-4-2019
“La verità era uno specchio che cadendo dal cielo si ruppe. Ciascuno ne prese un pezzo e vedendo riflessa in esso la propria immagine, credette di possedere l’intera verità.”
(Jalal al-Din Rumi, 1207-1273 poeta mistico persiano)

Sua Santità Papa Francesco e il Grande Imam di Al-Azhar Ahmad Al-Tayyeb

“Il pluralismo e le diversità di religione, di colore, di sesso, di razza e di lingua sono una sapiente volontà divina, con la quale Dio ha creato gli esseri umani”.
Questa affermazione (contenuta nel Documento sulla fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune, a firma di Sua Santità Papa Francesco e del Grande Imam di Al-Azhar Ahmad Al-Tayyeb) apre a grandi speranze per il futuro. Infatti riconoscere le diversità come opera della sapienza divina e non come errori umani, da combattere ed estirpare, implica un concetto di verità antidogmatico e relativo. Non significa relativismo che tutto appiattisce senza distinguere tra vero e falso e tra giusto e ingiusto. Significa che all’essere umano non è dato possedere la verità assoluta tutta intera, ma solo un frammento di tale verità che si modella in modo diverso a seconda della geografia e della storia. L’insieme costituisce un mosaico di tanti frammenti di verità, da conoscere e ascoltare, non da combattere e distruggere. Basta guerre di religione e scontri di civiltà.
Forse questo è il vero fondamento della convivialità e della pace universale.

Un pensiero su “Abu Dhabi – 4 febbraio 2019


  1. Tradotto in termini laici il pensiero di Francesco potrebbe essere: non è la conoscenza della verità che ci unisce (scismi, eresie e guerre di religione sono da subito una costante all’interno dei grandi monoteismi), ma la ricerca della verità.
    Questo secondo me vale anche per tutto il sapere umano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.